Sorting by

×
La Sfinge sulla soglia
La Sfinge sulla soglia

La Sfinge sulla soglia

Questo vasto e oscuro ignoto, cosa porterà con sé? Figure nell’ombra si aggirano, misteriosi echi rimbalzano su di noi, cos’è per l’Eroe un Guardiano della soglia se non una sorta di proiezione dei suoi scheletri?

Prefazione

Giunge all’alba dopo una lunga notte – una notte eccessivamente lunga – prepara la tue cose viandante, dunque possiamo partire. Ma ahimè cos’è quella creatura che ostacola il nostro sentiero? Dal maestoso corpo di leone e con le ali d’aquila il suo viso di donna ci interroga:

Chi, pur avendo una sola voce, si trasforma in quadrupede, bipede e tripede?

Biblioteca, Pseudo-Apollodoro.

Una pigna ti scivola dallo zaino, qual è la risposta già la sai. O forse no? (Scrivila nei commenti, se la sai, altrimenti lasciati mangiare dalla sfinge)

Se la tua risposta all’enigma era corretta abbiamo guadagnato una preziosa mascotte per il viaggio. Possiamo ora tornare sui nostri passi ed affrontare il viaggio dell’Eroe attraverso gli archetipi, chi sarà oggi a farci da guida? La sfinge compare ad Edipo per metterlo alla prova nel suo cammino e quale figura possiede l’ingrato compito di fronteggiare l’Eroe per aiutarlo a proseguire?

Il Guardiano della soglia.

Talvolta, per varie esigenze, o per rendere un personaggio un po’ più sfaccettato, è il Mentore stesso che muta in un Guardiano della soglia per garantire all’Eroe un’ulteriore piano di sviluppo e coscienza di sé. Funziona pressappoco così:

Opzione a):

CHIAMATA ALL’AVVENTURA → RIFIUTO DELLA CHIAMATA → PRESENZA DI UN GUARDIANO

Opzione b):

L’Eroe è sicuro di se ma, nel dubbio, torna all’opzione a).

Di fronte una situazione straordinaria l’incertezza rende nomade l’Eroe, solo poi, superata la paura l’avventura prosegue. Prosegue fino a quando qualcuno sbarrerà il sentiero per mettere alla prova l’Eroe: è davvero pronto? Cosa è disposto a mettere in gioco? Questo qualcuno idealmente sarà la nostra sfinge.

La sfinge usa fusa, vuoi accarezzarla?

I Guardiani sorvegliano l’atrio di ogni mondo straordinario e solitamente non sono etichettati come “cattivi”, possono essere solo figure neutrali (mai sottovalutare le figure neutrali). Invece, possono avere un rapporto simbiotico con un cattivo per far si che i territori di quest’ultimo non siano invasi da estranei.

Psicologia & dramma

Sappiamo che la funzione del Guardiano della soglia è mettere alla prova l’Eroe. L’Eroe non dovrà ucciderlo – lo hai già ucciso viandante? Molto male – ma incorporarlo. Un Guardiano della soglia può rivelarsi un prezioso alleato.

Questi Guardiani possono rappresentare ostacoli comuni che tutti incontriamo: un’acquazzone indesiderato, della sfortuna, un pizzico di pregiudizio. Ma se vogliamo andare oltre le superficialità, ad un livello più profondo, essi rappresentano i nostri demoni interiori.

Sono tutto ciò che di negativo e doloroso borbotta dentro di noi e che non ci permette di andare avanti in modo sereno.

Aria di cambiamento? Ecco un Guardiano che si materializza dinnanzi a noi, ecco che la sfinge ci mostra i suoi enigmi.

Ma a livello pratico come si affronta un Guardiano della soglia? Uno dei metodi più efficaci per affrontare un Guardiano della soglia, un avversario o chi che sia, è quello di mettersi nei suoi panni. Pensare come lui, agire come lui, parlare come lui.

Una volta appresi i suoi modi di fare si potrà raggirarlo e renderlo nostro alleato. Si, viandante hai capito bene, getta quella pigna che ti porti dietro da giorni e proseguiamo il nostro viaggio con il Guardiano della soglia.

Chi non vorrebbe una Sfinge al proprio fianco?

Conclusioni

Cos’altro dire sul Guardiano della soglia? Certo, sono figure molto importanti per il viaggio dell’Eroe ma, alla fine, ci ritroviamo solo con una semplice “mascotte” che cammina al nostro fianco?

Come per gli altri archetipi anche il Guardiano possiede un suo spessore e non è banale come potrebbe sembrare. Lo definirei come una proiezione del sé dell’Eroe.

L’Eroe ha una forte paura, la paura si materializza, l’Eroe affronta la paura.

Il Guardiano della soglia è il motivo che spinge l’Eroe ad uscire dalla sua “zona sicura”, e tutti noi ben sappiamo quanto sia difficile uscirne. Uscire dalla nostra zona non è semplice perciò prenditi tutto il tempo necessario, gioca con la pigna, gioca con la sfinge. Nel mentre il tramonto è sceso all’orizzonte, ma non puoi vederlo perché e nuvoloso. Sta per piovere.

Per questa tappa del viaggio è tutto, ci leggiamo alla prossima avventura!

Saluti, Africa.


Dalla rubrica degli archetipi:

Dentro gli archetipi (primo articolo della rubrica)

L’araldo del Messaggero (articolo precedente)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: